Un dì in corsia

Sono qua seduto da ore ed ore, qua:
sulla penna puntando inchiostro denso
ritagli agnostici pensando, non atei.
Senso cerco al lercio che sfugge e stona
calando sudario su decomposta carne.
Banale si dirà: ma cosa più assilla
di un tacere che sà di eterno?
Ciò sempre mi rilascia nella mente
viva del rosso di una tuta, una scena.
Non un sogno: appena un dì per corsie
ruzzolava portantina con su un vecchio;
ceruleo l’incarnito, eppur teschio vivo
scolpito e tondo, a capo d’ossa aguzze
gli zigomi e fosse gli occhi vitrei;
appena sotto i crateri delle guance
altro abisso è bocca: spalanca sul nulla.
Eppur vivo, è d’un verso sdentato e buio
d’universo, ch’è meraviglia non ghiacci.
Seppure ancora vivo, sebbene stento,
coprendo senile oscenità col conforto
d’una risposta, non farebbe opera buona
Essa
donandogli del degrado e del sipario calante
la ratio?
Copricapi avulsi ci si montano idee strane
in testa e che ci si avvitano in quota al punto
da non starci più in vita, anche se sorride
Ella
…  sì, la Morte sorride, anche fosse a bocca asciutta
bella e giovane, sempre
Lei
sorride.
_
Attirandone a sè il lettuccio, per l’ospedale lo mena
spoglie esibendone ancor vive, non appassite del tutto.
Giovane e bionda
Lei:
radioso il sorriso
volontario narciso, sembra dirlo senza farsi beffe
quanto sia bella e giovane
Lei
al confronto con lui: vecchio, allo stremo
ormai solo ricordo per l’eremo d’un loculo.
17 Novembre 2019  woodenship

3 pensieri su “Un dì in corsia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...