Liliana Segre

Stupefacente, come si possa accusare Liliana Segre(scampata ai lager nazisti e testimone della Shoha) di fomentare”pregiudizio e odio”contro il fascismo, tracciando in silenzio una riga a cancellarne gli orrori ed errori.

Come se vent’anni di dittatura, le leggi razziali, una guerra mondiale con milioni di morti, una guerra coloniale con crimini di guerra accertati, una repressione pervicace e violenta contro ogni forma di opposizione, non fossero sufficienti per alimentare ben più che un”pregiudizio”, nei confronti del fascismo.

Eppure è quello che ha osato rinfacciare Alessandra Mussolini a Liliana Segre: lei, Alessandra Mussolini, nipote di quel duce da operetta che ci trascinò alla catastrofe senza onore, si permette di tacciare di pregiudizio e incitazione all’odio contro il fascismo, Liliana segre, una donna scampata, ancor bambina, ai campi di concentramento, in cui l’avevano rinchiusa le leggi razziali e i provvedimenti operativi firmati dal suo nonno Mussolini!

Il candore della Mussolini è assai simile al nero della coscienza di un carnefice delle

SS: eseguivo soltanto gli ordini, non ho nulla di cui dovermi rimproverare, è la guerra.

La Mussolini: basta fomentare odio e pregiudizio contro il fascismo. Sottinteso: il fascismo non era poi così malaccio, non ho nulla da rimproverarmi o rimproverargli(!).

Peccato non possano dire la stessa cosa i milioni di ebrei, rom, disabili, prigionieri politici e militari che finirono nei campi di sterminio e non ne uscirono più.

Perversione della storia, oppure incontenibile miseria umana che le dà facoltà di sparare “banali” malvagità, fidando nell’oblio al quale aspirano le coscienze dei più?

Anche alla luce degli ultimi sondaggi d’opinione, dai quali risulta aumentata la percentuale di coloro che non credono che siano davvero esistiti i lager. E,

“comunquemente” fossero esistiti veramente

non devono essere poi stati molto

diversamente da una scampagnata

con ritorno in coda in autostrada,

di tanti noi signori”Laqualunque” italiani.

E’ questo oblio, il sollevare la testa dei tanti sovranisti, per tornare a battere i pugni sul tavolo, pretendendo un rispetto che nemmeno loro hanno per se stessi?

Rimuovere è un pessimo viatico, andando verso il futuro. Può solo condurre a più rovinose cadute.

Perdonate, ma certe cose mi fanno perdere la trebisonda.

……………….W………….

9 pensieri su “Liliana Segre”

  1. E’ ovvio, che le vittime chiedano scusa, cribbio! È la nuova storia. I treni arrivavano in orario, anche per Auschwitz. Ci sarebbe anche la nostra Costituzione antifascista, ma quello è un piccolo particolare per nostalgici, non vorremo fossilizzarci su certe quisquilie… la Mussolini era sparita dai radar, speravo si fosse ritirata, invece è ancora in giro a distillare perle di saggezza e moderazione? Che poi adesso i fascisti sono pappa e ciccia con Israele, non lo sanno che è pieno di ebrei da quelle parti?

    Piace a 1 persona

    1. I fascisti fanno comodo ai sionisti israeliani: fomentando odio contro gli ebrei, fanno si che questi difendano Israele senza se e senza ma, come unico loro possibile rifugio, sorvolando sulla politica razzista praticata contro i palestinesi. Per sionisti è un discorso di convenienza.

      Piace a 1 persona

  2. ho sentito oggi alla radio che parlavano delle percentuali di persone che non credono sia mai esistito il fascismo inteso come olocausto. Questo aumento di percentuali la dice lunga sulla società in cui viviamo, d’altronde basta vedere le violenze di ogni giorno per rendersene conto. La cosa però non è solo italiana, ma va vista in chiave europea, sono infatti diversi i Paesi in cui questa percentuale è ancora più alta che da noi…..

    Piace a 1 persona

    1. Son pienamente d’accordo con te: non è solo un fenomeno italiano: è una recrudescenza cge investe un po’tutto l’occidente e, per riflesso, anche paesi come Brasile, India… E’ un po’ come se, la società, incapace di dare risposte democratiche e razionali alla crisi economica, dovuta alle nuove tecnologie ed all’accentramento sempre maggiore delle ricchezze nelle mani di pochi, stesse cercando di rielaborare la Storia, per riproporre il vecchio trucco del dividi et impera…
      Grazie di cuore per la condivisione

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...