… mi piacerebbe che tu sapessi

Vorrei tanto dirti che va a momenti

che solo di momenti trattasi: vedi

tutto intorno sfiorire. Ma tu pensa

convinciti che ci stai a bordo

sul treno che sferraglia oltre di grigi

su binari di rami screziati di rame

con alle spalle l’inverno bianco di giglio.

Per conoscere, bisogna anche

in certo modo toccare: la terra

ci trasmette attraverso le mani

la sua saggezza. Ecco perchè

camminare sulle mani, è un punto

a favore: si va via in punta di dita

quasi accarezzando la vita

… ma che passerà lo sapevi, lo sanno

si sa, ma non si ammette: non si muore

se dicendolo si sorride, magari.

E, in primavera, ci saranno i fiori

di nuovo a suggerirti vivi sgargianti

quel che non riesco a dirti ora.

4 pensieri su “… mi piacerebbe che tu sapessi”

  1. Dolcissimo messere, mi avete commossa. In questo momento di assoluta tristezza i vostri versi sono come un fresco alito di vento capace d’ allontanare pensieri che si accavallano. La chiusa ha in sé una speranza, quella primavera, intesa come rinascita, che tutti aspettiamo. Vi abbraccio riconoscente lasciandovi una dolce carezza a scompigliarvi i capelli. Un tenero bacio. Monna Isabella

    Piace a 1 persona

    1. Un inchino a voi, nobile monna Isa, più che mai devoto e grato per questa indulgenza e generosità. a voi una carezza dai petali teneri di violette con l’augurio per una notte di sogni di raso…….

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...