Orange pinguin(giravolte di un pinguino)

Non so quanti abbiano seguito il twittare spasmodico del presidente americano Trump, ma credo che non sia sfuggito il senso baldanzoso, tendente all’esaltazione entusiastica dei valori, del coraggio e delle potenzialità statunitensi, vantati come più che sufficienti a vincere un virus”da operetta” come si potrebbe ben definire, seguendo la sua ipertrofica comunicazione assillante ed esilarante, al riguardo del Covid-19.

Fino all’altro ieri i suoi twitter tendevano ad accreditare il fatto che il virus non fosse che una esagerazione di una semplice e banale influenza stagionale. Lo faceva con la stessa euforica convinzione di un certo ministro dell’informazione irakena, il quale con già i marines a solleticargli il sedere con le punte delle loro baionette, insisteva nel sostenere che l’esercito irakeno stava vincendo, elencando tutta una serie di successi del suo esercito.

Ma, proprio oggi, con un triplosalto mortale con avvitamento, degno del miglior Salvini “lo spietato capitanfelpa”, eccolo, l’indomito presidente americano cambiare diametralmente versione: tutta colpa degli europei, di Bruxelles, della UE che non ha saputo affrontare con la dovuta fermezza il terribile virus, se adesso anche gli USA sono costretti a misure drastiche nella lotta alla pandemia. Vi risparmio la pur minima ironia che, simile posizione, solletica anche nel più spassionato degli osservatori.

Che pare di sentir parlare certi sovranisti e populisti de noantri. Quando, pur di attaccare le istituzioni comunitarie, si arrampicano sugli specchi e ne inventano di cotte e di crude. Oppure quando, a corto di argomenti sensati, ricorrono a capriole di sensi logici pur di attaccare il governo. In ciò esprimendo tutto l’arrivismo ambizioso dei loro leaders, pronti a tutto pur di arrivare a sedersi su quelle poltrone di cui accusano gli altri per l’eccessivo attaccamento.

Ma, quel che mi chiedo io è: fino a quando i suoi entusiastici sostenitori continueranno ad attribuirgli credibilità a questa macchietta di presidente?

Domanda che, alla luce dei giri di valzer nostrani in cui si esibisce la coppia di vertice del centrodestra, Salvini- Meloni, penso che sia valida anche per l’Italia: fino a quando i loro sostenitori continueranno a conceder loro credito, visto il continuo cambio di posizioni in cui si esibiscono, meglio che dei consumati ballerini?

 

39 pensieri su “Orange pinguin(giravolte di un pinguino)”

  1. gli americani hanno una visione molto egocentrica che loro definirebbero patriottica, perchè non c’è solo l’America di New York ma anche quella di sperdute province dove sono radicalmente conservatori, non escluderei che alcuni pensino addirittura di sconfiggere il virus con fucili e pistole. Quando fu eletto Trump mi trovavo in California e chiesi al gestore del bed and breakfast cosa ci trovassero in lui e che effetto gli facesse rispetto ad Obama, be’ quest’uomo, originario di New York e che viveva a Santa Barbara, quindi non in un paesino sperduto del texas disse semplicemente che trovava Obama weak e invece Trump rappresentava l’immagine dell’uomo forte, “costruito da solo”.

    Piace a 2 people

    1. Evidentemente, tutto il mondo è paese. E credo che Trump sia il frutto più della debolezza dei democratici, piuttosto che della forza di Trump stesso. Un po’ come è avvenuto ed avviene qua da noi: lo sbilanciarsi verso il mercato e la sua gestione da parte del centrosinista, ha lasciato libere le praterie di coloro che ci hanno rimesso a causa delle liberalizzazioni e delle ristrutturazioni selvagge. Ne hanno approfittato tutta quella genia di truffatori che si vestono da populisti e sovranisti, per ingannare e imbonire, per poi bastonare con restrinzioni sia democratiche che economiche, come dimostrano sia lo stesso Trump che altri come Orban in Ungheria, piuttosto che in Polonia o Bolsonaro in Brasile.

      Piace a 4 people

      1. Mi chiedo sempre come sia possibile affidarsi a gente simile. L’unica spiegazione che riesco a darmi è che, costoro, incarnino la rappresentazione di se stessi che, tanti elettori, nutrono nell’intimo .
        Grazie di cuore.
        A presto

        "Mi piace"

      2. Per quel che riguarda la tua domanda e circorscrivengola al nostro piccolo orticello è
        evidente che la violenza del linguaggio, il razzismo, il nuovo antisemitismi che sicuramente erano insiti in alcuni ( o nei più) sono stati avvallorati e supportati da MSalvini. Dopo quell ignobile preghiera ai morti recitata in tv credo che si sia consumato il peggio eppure cresce dinuovo nei sondaggi.
        Buona giornata.

        "Mi piace"

      3. Non mi meraviglia che cresca nei sondaggi: hanno introiettato la lezione berlusconiano sulla comunicazione sui media tradizionale, integrandola con quella sul web condotta con grandispendio di mezzi ed energia. In pratica vive perennemente in campagna elettorale, pure in questi giorni terribili di pandemia. Basta vedere le scelte comunicative anche della regione Lombardia

        "Mi piace"

      4. Sono arrabbiato perché sembra che non si riesca proprio a contrastarli sul piano comunicativo. Che sia Berlusconi, Salvini o Meloni, ci ritroviamo sempre ad inseguire

        "Mi piace"

      5. Il punto è che non dovremmo inseguire ma anticiparli con proposte concrete e immediate visto che in questo momento in qualche modo abbiamo la palla… e poi lasciamelo dire per quanto pacato e per bene Zingaretti proprio è trasparente.

        "Mi piace"

      6. Non sono del PD, anzi a causa di Renzi l’avrei pure distrutto, per quante ne ha combinate quel disgraziato. Ma debbo riconoscere a Zingaretti grandi capacità. Soprattutto il merito di non provarci ad inseguire Salvini sul suo terreno preferito, ovvero quello della propaganda fine a se stessa. Riesce ad essere più concreto e mantenere la barra a dritta. Sì, piace anche a me: lo credo in grado di fare quel che dici tu e dunque non farsi dettare l’agenda da altri…..

        "Mi piace"

  2. Mi sembra che abbia vietato tutti i voli con l’Europa tranne che con la Gran Bretagna, che in fondo è un’isola… 🙂 . Se si diffonderà il virus negli USA si vedranno scene da inferno dantesco, spero per loro nonostante Trump che non avvenga… e il suo degno compare Bolsonaro, l’hai sentito? Roba da matti…

    Piace a 1 persona

    1. Già, chissà perchè solo l’UK… ma non è, per caso, vista la Brexit, una decisione per non lasciarli del tutto soli?
      Oggi ho sentito che anche la città di New York ha chiuso scuole ed università. Negli Usa non si fanno tamponi. Effettivamente non hanno la pur lontana idea di cosa stia avvenendo tra la popolazione. Quindi suona ancor più estemporaneo e grottesco il divieto di collegamento aereo con il resto d’Europa. E temo che l’inferno si sia già scatenato. Solo che negli Usa la pandemia deve raggiungere livelli da peste nera, per arrivare a rendersene conto, per quanto sono vasti e popolosi. Se pensi che ho sentito alla radio che persino in Germania barano sulle cause di tanti decessi, facendoli passare per altre cause, magari le patologie stesse che già affliggevano i deceduti. Il tutto per non dovere ammettere che sono messi come e forse peggio di noi.

      Piace a 2 people

      1. La cosa che non voglio pensare è che, nelle realtà, si possa rivelare più cinica e bara la classe dirigente USA, piuttosto che quella cinese. In genere ce la dipingono come insensibile dittatura del partito unico. Però, in quest’occasione i cinesi stanno dimostrando di essere meno cinici di Trump. Se ricordi i tanti twit di Trump precedenti, a rileggerli si ha la netta sensazione che abbia già messo in conto la morte di tante migliaia di americani, pur di non rischiare di dovere bloccare l’economia, come sta succedendo in Italia. Anche gli altri governi europei con la Gran Bretagna hanno cercato di seguire la stessa strada. Ma la realtà e il tasso alto di mortalità di questo virus, li stanno facendo ricredere. Dal momento che sarà difficile spiegare alla popolazione l’ecatombe che hanno celato per una questione economica.

        Piace a 1 persona

      2. Ti dirò: c’è qualcosa di perverso in questa situazione politica, strategica ed economica mondiale. In genere le pandemie di questo tipo, ovvero che mettono in ginocchio economicamente a livello mondiale, dal secolo scorso, sembrano arrivare subito dopo dei conflitti. Come è accaduto per la Spagnola del 1918, o per l’Asiatica del 1957.
        Stranamente adesso, come tu ben supponi: cosa ci facciamo, la guerra dopo la pandemia per raddrizzare le sorti economiche del pianeta? Sarebbe cosa alquanto bizzarra, dal momento che si rischierebbe di ficcarsi in una nuova pandemia e dunque in un circolo vizioso.
        Dunque, sarà un terno al lotto ridare vita alla ripresa economica: ai danni già provocati dalla guerra dei dazi trumpiani, bisognerà sommare questa pandemia amplificata sempre dall’idiozia trumpiana. Quando si trattò di Ebola in Africa, Obama prese la leadership mondiale e gli USA furono in prima linea nella lotta sin dal primo momento.
        Con Trump abbiamo assistito, invece al festival dell’imbecillità generalizzata, tutta tesa a minimizzare, scansare responsabilità e glissare il più possibile, finendo, molto ridicolmente per rischiare che siano i cinesi a dovere intervenire sanitariamente, per salvare il mondo: una ferita per il prestigio americano davvero insanabile. E che nemmeno una guerra riuscirebbe a suturare.

        Piace a 2 people

      3. Certo che alla fine di questo delirio ci sarà da raccogliere parecchi cocci… sarebbe bello ad esempio che gli Stati collaborassero nella ricerca sui vaccini, e garantire poi una distribuzione a tutti senza che se ne debbano arricchire le multinazionali del farmaco, e tenendo un prezzo calmierato… invece temo che c’è già chi pensa a grossi guadagni e speculazioni…

        Piace a 1 persona

      4. Se pensi che un tampone negli USA ti costa 3.200 dollari. Se pensi che, uno dei motivi divisivi nella politica yankees, è il rifiuto da parte dei repubblicani di riconoscere e retribuire la malattia per il lavoratore che dovesse risultare positivo e per chi dovesse finire in quarantena. Allora capisci che non c’è salvezza.

        Piace a 1 persona

      5. Mi sa che sarebbe felice come una pasqua, dal momento che ha sempre predicato l’isolazionismo. In questo caso non dovrebbe nemmeno fare la fatica di emanare direttive presidenziali, per vietare a tizio o a caio di recarsi negli States: nessuno, di suo, ci metterebbe più piede, nemmeno i soliti indocumentados che rischiano ogni giorno la morte per passare la border line. Forse qualcuno dei suoi elettori comincerebbe a farsi qualche problemino, soltanto forse…

        Piace a 1 persona

  3. Trump in questo è il numero 1, non lo batte nessuno! Come gira le notizie lui, neppure un prestigiatore con le carte riesce a fare meglio. Fra l’altro negli Stati Uniti di tamponi ne hanno fatti pochi, quindi la situazione potrebbe essere molto peggiore di quella che ci fanno vedere ..

    Piace a 1 persona

    1. Come scrivevo più sopra: temo che hanno cercqto di farla passare come banale influenza, per non essere costretti a prendere decisioni che potessero frenare l’economia. Solo che, anche grazie alle misure prese dal governo italiano, Trump e gli altri si sono ritrovsti spiazzati: l’opinionenpubblica non tollererebbe sapere che si sono sacrificate decine di migliaia di vite umane per non rallentare l’economia.
      E son daccordo con te: la stessa “Science” ,rivista prestigiosa di settore scientifico, ha attaccato duramente, come mai accaduto, Trump: non solo per le sue giravolte e falsificazioni scientifiche, bensì anche per il fatto che ha tagliato abbondantemente i finanziamenti per la ricerca e per la prevenzione proprio delle epidemie e pandemie dell’agenzia federale. Dunque ecco che salta fuori la coda di paglia: vuole alzare il polverone, per nascondere le proprie responsabilità di presidente incompetente e cinico.

      Piace a 1 persona

  4. Hai scritto giusto in un commento: Trump è il frutto della debolezza dei democratici, piuttosto che della sua forza. Come lo è il nostro uomo-felpato che si elegge alfiere del popolo italiano (la parola “nazione” ha un gusto troppo “retrò”) anche se – piccolo particolare – è rappresentante di movimento secessionista e federalista che trova le sue radici nel genere “fantasy” (se la Padania esiste, allora esiste anche la Terra di Mezzo). Gli è stato sufficiente eliminare la parola “Nord” dal nome del movimento. Cazzarola un genio? No una massa di pecore tutti i “leghisti” evidentemente ubriachi dell’acqua (malsana) del Dio Po. Quali leghisti? Sono mai esistiti? Ah già ora sono tutti nazionalisti. E allora il movimento che agitava la fiamma del nazionalismo (la aveva nel simbolo del partito) che ha fatto? Abbaia come quando un cane di piccola taglia incontra uno il doppio di lui, ben tenuto al guinzaglio dal padrone.
    Ecco in USA non esiste questa “macchietta” di politica come la nostra, hanno solo due partiti, ma non sono scevri delle stesse identiche incoerenze che i loro elettori evidentemente non notano o non vogliono notare.

    Piace a 1 persona

    1. Non avrei potuto scrivere meglio quel che tu hai espresso brillantemente, compadre! Sottoscrivo persino le virgole di queste tue considerazioni. Al massimo mi sento di aggiungere che, le qualità di questi personaggi, sembrano essere tanto comuni da farmi credere che siano state forgiate in serie: sembrano proprio dei cloni o dei cyborg che siano stati programmati per svolgere una politica comune. E qua, non posso non fare un accenno a quello Steve Bannon artefice della strategia comunicativa elettorale messa in campo da Trump. Una strategia che accomuna tutti i movimenti populisti e sovranisti. Steve Bannon rappresenta il tentativo di unificare tutti questi movimenti a livello internazionale, al fine di creare una sorta di internazionale nera suprematista: una sorta di quarto reich mondiale. Il tutto giocando sulla insensibilità e connivenza di buona parte del capitalismo cosiddetto liberal che non vede di buon occhio le rivendicazioni di quanti sono stati feriti dalla globalizzazione e liberalizzazione delle merci e dei capitali, a scapito della mobilità del capitale umano.
      Muchas gracias y hasta la victoria siempre
      compadre

      Piace a 1 persona

  5. un giornalista che stimo molto, praticamente l’unico, ha scritto: virus scaccia virus….fusse che fusse che gli italiani rinsaviscano, quanto a trump…pecunia pecunia e ancora pecunia. ciauuuuuu

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...