Il sole sulla testa che scotta

…ma in fondo, una scottatura solare

cos’è? Si chiedesse a Rimbaud, direbbe

lui: botta di sole che cambia vita

da poeta alto a mercante di armi e schiavi.

Io che di poesia intendo solo arsura

la so lunga su scottatura e affine:

gli arrossamenti dolorosi a gambe

il gonfiarsi delle papule a schiena

il vaneggio d’insolazione a mente;

di derma in strati elevarsi annerito

bicolore a farti la faccia pesta…

si che avrei potuto scriverci poema.

L’avrei vergato su altre foglie morte

dalla cute involantesi ombre a notte:

lucciole rabbuiate dell’esistenza

per ogni dove a incutere rispetto

pure alla folle congrega dei grilli 

nel compiacersi su e giù per la pancia

di enigmatiche montuosità, dure

da ignorare, scendendo a bagnomaria

sudati del primo albore di luglio.

Sì perchè certe cose si può solo

dirle in solitaria, assente la luna

che possa delare eventuali viltà

nel giorno bruciante infimo di sale

… ma io non sono Rimbaud: sono più basso

e nemmeno ebbro, soltanto più cotto.

03 Agosto 2020 da woodenship 

4 pensieri su “Il sole sulla testa che scotta”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...