Un attimo che non vedi

Di arrestarlo cerco sempre l’attimo

si che non mi si faccia ruga in fronte

e raggrinzi l’ansa in gola, sul petto

lasso istante assottigliandosi osceno;

oppure che decori gambe e braccia

memento, affiorando intrichi venosi

a che non lo consideri neppure,

dai capillari bluastri sparsi, assente.

Ma io insisto e inesistente lo dichiaro;

dicendolo leggenda non lo colgo:

fiato dai denti è, di poeti ed amanti

finanzieri, militari, corsari

che sempre lo declamano fortuna

reclamandolo per sé a proprio amore.

Un attimo è per legarcisi eterni

e sognarsi immortali. Ma l’attimo

non ci sta, non esiste, anzi: è già andato

tant’è fuggente che manco lo vedi.

03 Maggio 2021 woodenship 

4 pensieri su “Un attimo che non vedi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...