More More More!

Un brano che sempre mi incanta

The path you tread is narrow
and the drop is sheer and very high
the ravens all are watching
from a vantage point nearby
apprehension creeping
like a tube train up your spine
will the tightrope reach the end
will the final couplet rhyme

and it’s high time, Cymbaline
please wake me

A butterfly with broken wings
is falling by your side
the ravens all are closing in
there’s nowhere you can hide
your manager and agent
are both busy on the phone
selling coloured photographs
to magazines back home

and it’s high time, Cymbaline
please wake me

The lines converging where you stand
they must have moved the picture plain
the leaves are heavy round your feet
you hear the thunder of the train
suddenly it strikes you
that they’re moving into range
and Doctor Strange is always changing size

Il sentiero che percorri è stretto
e lo strapiombo a picco e molto alto
tutti i corvi stanno ad osservare
da un vicino promontorio
l’apprensione si insinua
come una metropolitana lungo la schiena
la fune si spezzerà?
il verso finale sarà in rima?

ed è ora, Cymbaline
per favore, svegliami

Una farfalla con le ali spezzate
cade al tuo fianco
i corvi tutti avanzano da ogni parte
non c’è posto dove tu possa nasconderti
il tuo manager e il tuo agente
sono entrambi occupati al telefono
a vendere foto a colori
alle riviste che conosci

ed è ora, Cymbaline
per favore, svegliami

Le linee che convergono dove sei tu
devono aver spostato il piano dell’immagine
le foglie sono pesanti attorno ai tuoi piedi
senti il rombo del treno
d’improvviso ti colpisce
che rientrino nei ranghi
e il Dottor Strange continua a cambiare dimensioni.

Pubblicità

27 pensieri su “More More More!”

  1. Il testo mi fa pensare ad una situazione simile a quella descritta in “Don’t you want me” della Human League: un uomo ama una donna, ma quella donna è diventata irraggiungibile per lui, perché è troppo occupata a inseguire il successo per dedicargli anche solo un briciolo del suo tempo. In questa canzone è possibile intuire che il suo entourage la influenza in questo senso: infatti il cantante dice che “il tuo manager e il tuo agente sono entrambi occupati al telefono a vendere foto a colori alle riviste”, come a dire che a loro interessa soltanto la popolarità e il successo, e non gliene può fregar di meno di coltivare il lato strettamente artistico della loro assistita.
    In “Don’t you want me” la situazione era ancora più odiosa, perché in quel caso era stato proprio l’amante scaricato a lanciare la donna verso il successo: di conseguenza lei abbandonandolo non gli ha solo spezzato il cuore, ma si è rivelata anche di un’ingratitudine mostruosa.

    Piace a 2 people

    1. È un testo dei Pink Floyd che, in un certo senso, anticipa delle tematiche che verranno sviluppate in “The wall”. Ovvero quelle del rapporto tra l’artista e mercato discografico. Invece il film è imperniato su una storia d’amore ambientata in periodo storico che corrisponde a quello dei figli dei fiori ed alle contraddizioni che lo fecero naufragare nelle droghe e nelle tossicodipendenze.
      Il film non ebbe un grande successo, sia dal punto di vista della critica e nemmeno del pubblico. Ma la colonna sonora è un capolavoro che può vivere stupendamente da sola. Grazie di cuore.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...